[H] HOME    [I] INIZIATIVE    [A] AMMINISTRAZIONI COMUNALI    [D] DOWNLOAD    [C] CONTATTI
logo del bosco del rugareto

Accedo a

[L] PLIS
La Storia
Descrizione del Paesaggio
Inquadramento geofisico
Obiettivi e Finalità
Logo
[F] FLORA
[U] FAUNA
[M] IMMAGINI
[E] SENTIERI
[P] PLANIMETRIA PLIS
[C] CARTINA DEL PARCO
immagine di rospo comune
 


INQUDRAMENTO GEOFISICO

Il territorio del PLIS “Bosco del Rugareto” è ubicato nell’Alta Pianura lombarda occidentale sul conoide fluvioglaciale del Fiume Olona. Tuttavia, l’estrema parte nord-orientale è ubicata in corrispondenza degli anfiteatri morenici rissiani (la linea del terrazzo passa infatti nelle vicinanze della SS n° 233, Cislago). l’escursione altimetrica nel PLIS è poco sviluppata, passando da ca. 210 m s.l.m. della parte più meridionale a ca. 260 m s.l.m. della parte nord orientale. Non sono quindi presenti rilievi o particolari discontinuità morfologiche, se si esclude la linea di terrazzo accennata in precedenza e le depressioni prodotte dall’attività estrattiva.

I CORSI D’ACQUA DEL RUGARETO
All’interno del Bosco del Rugareto il corso d’acqua di maggiore importanza è il Torrente Bozzente che drena il terrazzo su cui si sviluppa il Parco Regionale della Pineta di Appiano Gentile e Tradate e percorre il PLIS nella settore orientale, dove presenta anche un breve tratto con un andamento naturaliforme di particolare interesse naturalistico. Affluente del Torrente Bozzente è il Torrente Gradaluso, che raccoglie anch’esso le acque del terrazzo del Parco Pineta. Nella porzione occidentale del PLIS si rinviene il Torrente La Valascia, detto anche Fontanile Tradate, che riceve le acque di numerosi corsi d’acqua tra Binago, Venegono e Tradate; il percorso di questo Torrente sembra perdersi in località Sciaccona (Gorla Minore).

PEDOLOGIA
Il PLIS è prevalentemente ubicato su alluvioni oloceniche di origine fluviale e fluvioglaciale, tranne l’estrema appendice nord-orientale posizionata in corrispondenza di alluvioni fluvioglaciali pleistoceniche (Riss). I suoli che si sviluppano su questi depositi alluvionali possono essere ricondotti ad unicamente tre tipi (Brenna et al., 2004; Allegato 1). Più precisamente, il 70.7% della superficie del PLIS è occupata dagli Umbrisols, cioè da suoli con un caratteristico orizzonte umbrico (orizzonte A) di colore scuro, desaturato (contenuto in basi minore del 50%), ben strutturato e ricco di sostanza organica. In corrispondenza soprattutto dei presumibili paleoalvei del Torrenti La Valascia, Gradaluso e Bozzente si rinvengono invece i Fluvisols (27.0% della superficie a PLIS), cioè suoli che presentano materiali fluvici fin nella parte superficiale ed è quindi caratterizzato da una stratificazione irregolare. Infine, i Luvisols (2.3% della superficie a PLIS) sono confinati nella porzione nord-orientale; si tratta di suoli caratterizzati dalla presenza del processo di illuviazione di argilla con formazione di un orizzonte argillico sottosuperficiale.

LITOLOGIA
Dal punto di vista litologico i suoli del PLIS si sviluppano su litotipi incoerenti. Al di sotto degli orizzonti pedogeneizzati, si rinvengono infatti litologie ghiaiose, nello specifico composte da ghiaie poco degradate in corrispondenza dei Fluvisols e invece da ghiaie ben degradate con sabbia (o frammiste al tipo precedente) in presenza di Umbrisols. Ghiaie limose si rinvengono invece sul terrazzo rissiano, nei pressi del quale si riscontrano anche frammisti a limi con sabbia in corrispondenza del paleoalveo del Torrente Bozzente. Nel complesso si tratta comunque di substrati privi di carbonato di calcio.